Immatricolazione, accesso e verifica delle conoscenze

Accesso
Libero con verifica delle conoscenze minime necessarie dopo l’immatricolazione.

Modalità della didattica e frequenza
Il corso di laurea sviluppa la sua didattica interamente in presenza.

Durata del corso
Cinque anni.

Titolo necessario all’immatricolazione
Costituisce titolo di ammissione al corso di laurea il diploma di istruzione secondaria di secondo grado di durata quinquennale, nonché il diploma di scuola secondaria superiore o altro titolo di studio conseguito all’estero, riconosciuto idoneo a questo solo fine dal Consiglio della struttura didattica. Costituisce altresì titolo di ammissione al corso di laurea il diploma di istruzione secondaria di secondo grado di durata quadriennale: in tal caso il superamento della prova di verifica delle conoscenze iniziali consente l’iscrizione senza obblighi formativi aggiuntivi (OFA) in automatico.
Per ulteriori precisazioni e dettagli si rinvia a quanto previsto in materia di titolo di studio richiesto per l’accesso nel Regolamento studenti vigente:
http://www.unife.it/ateneo/organi-universitari/statuto-e-regolamenti/regolamenti-in-materia-di-didattica-e-studenti




Conoscenze richieste per l’accesso

Il corso di laurea magistrale in Giurisprudenza non prevede il “numero chiuso”. Come previsto dalla nuova normativa sui corsi di laurea, gli studenti che si iscrivono al primo anno del corso devono sottoporsi, dopo aver perfezionato l’immatricolazione, ad un test di verifica della propria preparazione rispetto alle conoscenze specifiche che il Dipartimento ritiene indispensabili per affrontare gli studi. Il test prevede venti domande di cultura generale a risposta multipla e non pregiudica l’iscrizione al corso di laurea. Relativamente agli studenti che per l’anno accademico 2017/2018 effettuino trasferimento da altra Università, passaggio da altro corso di laurea o immatricolazione con richiesta di abbreviazione di corso, il test di verifica della preparazione iniziale è da intendersi obbligatorio per coloro che provengono da corsi di laurea non afferenti alla classe 31, alla classe 2, alla classe LMG/01 e alla classe L-14 indipendentemente dal numero di esami sostenuti qualora in precedenza non abbiano superato esami vertenti su almeno una delle aree tematiche che costituiscono oggetto del test di verifica o almeno un esame di settore scientifico-disciplinare giuridico (IUS). Il test di verifica è da intendersi obbligatorio anche per gli studenti provenienti da corsi di laurea afferenti alle suddette classi, qualora non abbiano sostenuto alcun esame. In tutti questi casi il test di verifica sarà effettuato solo dopo la delibera di ammissione e il perfezionamento dell’iscrizione da parte degli studenti interessati.

Tempistica e modalità dei test di verifica verranno rese note alla pagina web http://www.giuri.unife.it alla voce Studenti, “Test di verifica delle conoscenze iniziali”.
Il test non è richiesto agli studenti che transitano dal Vecchio Ordinamento al Nuovo Ordinamento del corso di Laurea Magistrale in Giurisprudenza.



Modalità di verifica delle conoscenze

Il test si svolge in forma cartacea.
Agli studenti che rivelassero lacune nelle conoscenze nelle aree tematiche oggetto del test (risposte corrette inferiori a 11) verrà proposto un apposito programma didattico di recupero che consentirà di colmare l’obbligo formativo aggiuntivo loro assegnato.



Criteri per la determinazione degli eventuali obblighi formativi aggiuntivi e modalità per il recupero

L’ammontare dell’eventuale obbligo formativo aggiuntivo viene assegnato allo studente sulla base dell’esito del test di verifica della preparazione iniziale, se effettuato. Tale obbligo formativo va colmato dallo studente entro il primo anno di corso.
Una volta stabiliti, i programmi di recupero saranno pubblicati alla pagina web http://www.giuri.unife.it alla voce Studenti, “Test di verifica delle conoscenze iniziali”.
Lo studente che non ricade fra le categorie di esonero, che non effettua il test di verifica della preparazione iniziale o che non recupera l’eventuale obbligo formativo collegato al mancato superamento della prova entro il 30 settembre dell’anno solare successivo all’anno di immatricolazione non potrà accedere al secondo anno regolare e sarà iscritto al Fuori corso del primo anno sino alla prima, successiva iscrizione utile a obbligo formativo assolto.



Calendario delle attivita' didattiche

È reperibile all’indirizzo web http://www.giuri.unife.it alla voce Studenti, “Calendario didattico”: (http://www.giuri.unife.it/it/stude/immatricolazioni-e-carriera/allegati-studenti/studenti-iscritti)



Struttura e ordinamento del Corso

VECCHIO ORDINAMENTO
GLI STUDENTI IMMATRICOLATI NEGLI ANNI ACCADEMICI 2006/2007 e 2007/2008 SEGUIRANNO IL PIANO DI STUDIO RIPORTATO SUL SITO
http://www.giuri.unife.it alla voce Studenti, “Percorso di formazione”.

NUOVO ORDINAMENTO
GLI STUDENTI IMMATRICOLATI NEGLI ANNI ACCADEMICI 2008/2009, 2009/2010, 2010/2011, 2011/2012 e 2012/2013 SEGUIRANNO IL PIANO DI STUDIO RIPORTATO SUL SITO
http://www.giuri.unife.it alla voce Studenti, “Percorso di formazione”.

GLI STUDENTI IMMATRICOLATI NEGLI ANNI ACCADEMICI 2013/2014, 2014/2015, 2015/2016, 2016/2017 e 2017/2018 SEGUIRANNO IL SEGUENTE PIANO DI STUDIO
http://www.giuri.unife.it 



Piani di studio

Il termine per la presentazione delle attività a scelta (insegnamenti affini o integrativi, attività a scelta libera dello studente) è fissato dal Regolamento studenti di Ateneo al 30 novembre.
Gli studenti iscritti per l’a.a. 2017/2018 al terzo, quarto e quinto anno regolare dovranno effettuare le opzioni direttamente on-line dalla propria pagina virtuale personale, accedendovi dal sito: http://studiare.unife.it tramite qualsiasi personal computer collegato al web.
Viceversa, gli studenti iscritti al fuori corso del quinto anno e che avessero l’intenzione di cambiare una o più attività a scelta dovranno effettuare tali opzioni sull’apposito modulo cartaceo scaricabile on-line (http://www.unife.it/studenti/offerta-formativa/pianistudio/ moduli-scelta-corsi-Giuri) o in distribuzione presso l’Ufficio carriera - Area Studi Umanistici, Giurisprudenza ed Economia, cui lo stesso andrà consegnato. Gli studenti ammessi per l’a.a. 2017/2018 con delibera della Commissione crediti e opzioni dopo trasferimento da altra sede, passaggio da altro corso di laurea o immatricolazione con abbreviazione di corso dovranno effettuare le opzioni sul modulo cartaceo scaricabile on-line (http://www.unife.it/studenti/offerta-formativa/modulistica) o in distribuzione presso l’Ufficio carriera - Area Studi Umanistici, Giurisprudenza ed Economia, cui lo stesso andrà consegnato.
Altre informazioni ai punti “Insegnamenti affini o integrativi (attività C)” e “Insegnamenti a scelta libera (attività D)”.



Conoscenze linguistiche e conoscenze informatiche

La Commissione crediti e opzioni, su istanza dello studente, riconosce i certificati Cambridge ESOL di livello B1 (PET) e superiore e può riconoscere ulteriori certificazioni comprovanti la conoscenza della lingua inglese di livello B1 o superiore. Per maggiori informazioni consultare la pagina web http://www.giuri.unife.it alla voce Studenti, “Riconoscimento crediti”.



Propedeuticità

Con la conferma che gli esami di Diritto costituzionale e di Istituzioni di diritto privato sono da intendersi propedeutici a tutti quelli previsti dal secondo anno in avanti, ad eccezione dell’insegnamento di Lingua inglese giuridica, agli effetti dell’ammissione agli esami di profitto del corso di laurea magistrale in Giurisprudenza, lo studente è tenuto a rispettare le propedeuticità di seguito riportate:

Propedeuticità >>

Gli studenti che hanno effettuato trasferimento da altra sede, passaggio da altro corso di laurea o immatricolazione con abbreviazione di corso e che devono recuperare una parte di uno o più esami previsti come propedeutici nella tabella sopra riportata, soddisferanno tali propedeuticità solo con il superamento dell’esame integrativo.

(*) Le presenti propedeuticità valgono per gli studenti che inseriscono (nel caso di insegnamenti opzionali/a scelta libera) o si vedono inserite d’ufficio (in quanto insegnamenti fondamentali) le sopracitate materie con decorrenza 2017/2018. Gli stessi insegnamenti, se inseriti nel piano di studi in passato, devono invece intendersi ricondotti alle propedeuticità previste nell’anno accademico in cui lo studente ne ha maturato l’attestazione di frequenza, propedeuticità per le quali fa fede il manifesto degli studi di tale anno accademico. Lo stesso vale per le propedeuticità degli insegnamenti disattivati per l’anno accademico 2017/2018 ma attivati negli anni accademici precedenti (per i percorsi di formazione dei vari anni accademici, http://www.unife.it/giurisprudenza/giurisprudenza-magistrale-rovigo/scegliere-il-cdl-magistrale-in-giurisprudenza/percorso-formazione).



Sbarramenti

L’iscrizione al terzo anno del Corso di laurea magistrale è consentita ai soli studenti che abbiano conseguito almeno 60 crediti relativi agli insegnamenti obbligatori del primo e secondo anno entro la fine del mese di settembre del loro secondo anno di corso. Gli studenti che non raggiungono tale soglia verranno iscritti come fuori corso del secondo anno.

Gli studenti fuori corso del secondo anno afferenti a una coorte di immatricolazione precedente a quella dell’anno accademico 2013/2014 e iscritti al Nuovo ordinamento che per l’a.a. 2017/2018 avranno i requisiti per accedere al terzo anno regolare vedranno adeguato il proprio percorso a quanto prevedono gli attuali terzo, quarto e quinto anno regolari.

Gli studenti fuori corso del secondo anno iscritti al Vecchio ordinamento che per l’a.a. 2017/2018 avranno i requisiti per accedere al terzo anno regolare transiteranno obbligatoriamente al Nuovo ordinamento per via della disattivazione del medesimo anno nel Vecchio ordinamento. Il transito sarà regolato con delibera del Consiglio della struttura didattica che riconoscerà tutti i crediti maturati dallo studente.



Percorso di laurea a doppio titolo con l’Università di Granada

E’ attivato un percorso di studi a doppio titolo con l’Università di Granada (Spagna), al termine del quale lo studente consegue la laurea magistrale in Giurisprudenza (Classe LMG/01) presso l’Università degli Studi di Ferrara e il Grado en derecho presso l’Università di Granada. Esso è aperto ad un numero massimo di quattro studenti per ciascun anno accademico, selezionati sulla base di un bando che viene pubblicato annualmente ed è rivolto agli studenti immatricolati al primo anno del corso di laurea magistrale in Giurisprudenza, provenienti sia dalla sede di Ferrara che dalla sede di Rovigo.

Informazioni e dettagli alla pagina web
http://www.giuri.unife.it/it/internazionale/progetto-doppio-titolo-con-luniversita-di-granada.Percorso



Percorso di laurea a doppio titolo con l’Università di Strasburgo

E’ attivato un percorso di studi a doppio titolo con l’Università di Strasburgo (Francia), al termine del quale lo studente consegue la laurea magistrale in Giurisprudenza (Classe LMG/01) presso l’Università degli Studi di Ferrara e la Licence en droit + Master 1 (mention Droit public et droit privé) + Master 2 presso l’Università di Strasburgo. Esso è aperto ad un numero massimo di cinque studenti per ciascun anno accademico, selezionati sulla base di un bando che viene pubblicato annualmente ed è rivolto agli studenti immatricolati al primo anno del corso di laurea magistrale in Giurisprudenza, provenienti sia dalla sede di Ferrara che dalla sede di Rovigo.

Informazioni e dettagli alla pagina web
http://www.giuri.unife.it/it/internazionale/progetto-doppio-titolo-con-luniversita-di-strasburgo



Ferrara School of Law

Gli studenti che intraprendano un percorso di studi di eccellenza e a forte vocazione internazionale otterranno, contestualmente alla laurea, uno speciale diploma aggiuntivo (diploma della Ferrara School of Law), destinato ad accrescere nel mercato del lavoro la visibilità delle competenze acquisite. I requisiti richiesti sono una media elevata, la laurea entro il primo anno fuori corso, la frequenza, a Ferrara, di insegnamenti in lingua straniera, la partecipazione ad esperienze curricolari di mobilità internazionale, la redazione della tesi di laurea in lingua straniera.

Informazioni e requisiti alla pagina web
http://giuri.unife.it/it/internazionale/ferrara-school-of-law-1



Esame finale

Alla prova finale, per gli studenti del Nuovo ordinamento, sono attribuiti 15 crediti (che diventano 18 a partire dalla coorte di immatricolati 2013/2014). La prova finale consiste nella predisposizione di un elaborato scritto, nonché nella sua discussione orale, che dimostri, con specifico riferimento all’insegnamento prescelto dal candidato, l’acquisizione della preparazione giuridica e delle conoscenze previste dagli obiettivi formativi del corso di laurea, con particolare riguardo ai metodi di ricerca e alla capacità di esporre ed argomentare. L’elaborato scritto potrà anche essere collegato ad una attività di ricerca svolta presso organizzazioni, uffici, amministrazioni, strutture di ricerca italiani o stranieri, concordati con il docente. L’elaborato potrà essere redatto anche in una lingua comunitaria, previa autorizzazione da parte del relatore. In ogni caso è richiesta una sintesi dell’elaborato in lingua italiana, da allegare alla tesi.

Relatore tesi di laurea: Lo svolgimento della tesi si effettua sotto il controllo diretto ed esclusivo del docente relatore, che può essere affiancato da un secondo relatore e/o da uno o più correlatori. Il correlatore può essere individuato, a cura del relatore, tra i docenti strutturati e tra i non strutturati titolari di insegnamento del Dipartimento. E’ altresì possibile individuare un correlatore esterno: tale nomina, però, deve intendersi subordinata all’approvazione del coordinatore del Consiglio di corso di studio.



Tirocini (attività di tipo D)

L’attività di Tirocinio (6 crediti), è inseribile nel piano di studi come attività di tipo D. Il tirocinio può essere effettuato presso un ente/ditta/ufficio/struttura nelle modalità riportate all’indirizzo internet http://www.unife.it/ateneo/jobcentre/tirocini.

E’ possibile altresì chiedere riconoscimento dell’esame di Tirocinio (6 crediti) con istanza alla Commissione crediti e opzioni della struttura didattica a seguito di esperienza professionale già effettuata dallo studente. Tale esperienza dovrà essere adeguatamente certificata. Per ulteriori informazioni consultare la pagina web http://www.giuri.unife.it alla voce Studenti, “Riconoscimento crediti” o rivolgersi al manager didattico della struttura didattica.

Il Dipartimento di Giurisprudenza propone inoltre la possibilità di alcuni tirocini specifici, tutti su Rovigo, effettuabili e spendibili nel piano di studi ai fini della copertura dell’esame di Tirocinio (6 crediti): alla conferma del Tirocinio presso la Commissione tributaria si aggiungono altre opportunità, rese possibili grazie alle convenzioni sottoscritte con Consiglio e Segreteria dell’Ordine degli Avvocati di Rovigo, Tribunale di Rovigo, Consiglio Notarile, Unindustria, Confagricoltura, Giudice di Pace.

Informazioni alla pagina web http://www.giuri.unife.it alla voce Studenti, “Tirocini”.



Progetto PIL

Agli studenti che partecipano al progetto di ateneo “Percorsi di inserimento lavorativo” (PIL, http://www.unife.it/ateneo/jobcentre/pil) la Commissione crediti e opzioni, previa istanza supportata da certificazione che descriva l’attività svolta in tale contesto, può riconoscere crediti nell’attività di Tirocinio e a sua copertura parziale o totale nei casi in cui tale attività venga ritenuta coerente con gli obiettivi formativi del corso.



Durata diversa dalla normale

Il corso di laurea magistrale in Giurisprudenza è della durata di cinque anni, equivalenti all’acquisizione di 300 crediti. Lo studente, rispettando i vincoli per le attività formative previsti dal regolamento del corso di studio, potrà conseguire il titolo concordando un curriculum di durata diversa.

Ai sensi di quanto previsto dal Regolamento Didattico di Ateneo lo studente che non intende seguire gli studi secondo la durata normale potrà seguire:
● curriculum con durata superiore alla normale prendendo iscrizione ad un semestre ovvero a singoli insegnamenti del corso di studio nel rispetto delle propedeuticità previste e per un massimo di 30 crediti per anno accademico. Lo studente, in questo caso, dovrà presentare alla Commissione crediti e opzioni la propria proposta. La Commissione delibererà in merito approvando la proposta o concordando con lo studente eventuali variazioni.
● curriculum con durata inferiore alla normale (massimo 90 crediti per anno accademico), anche in questo caso presentando alla Commissione crediti e opzioni la propria proposta. La Commissione delibererà in merito approvando la proposta o concordando con lo studente eventuali variazioni.

Nel caso l’ordinamento venga cambiato, gli studenti iscritti a tempo parziale verranno ammessi alla prosecuzione della carriera sul nuovo ordinamento per gli anni di corso che devono ancora completare e che risultano disattivati. La Commissione esaminerà la carriera precedentemente svolta e ne determinerà l’ulteriore svolgimento ed il riconoscimento dei crediti già acquisiti.



Riconoscimento di titoli di studio conseguiti all’estero

Il riconoscimento di una laurea conseguita all’estero per la laurea magistrale in Giurisprudenza è stabilito dalla Commissione crediti e opzioni previa presentazione della richiesta corredata dai programmi dei corsi. Per informazioni amministrative rivolgersi all’ Ufficio mobilità e relazioni internazionali, Via Cairoli, 32. Pagina web:
http://www.unife.it/studenti/internazionale/internazionale



Trasferimenti da altra sede e passaggi da altri corsi di laurea

TRASFERIMENTI
Nel caso di trasferimento di studenti da altro Ateneo, la Commissione crediti e opzioni esamina la carriera scolastica precedentemente svolta, ne determina, qualora ritenuto possibile, l’ulteriore svolgimento, e decide, predeterminando i criteri per le affinità e le uguaglianze tra insegnamenti, nei termini fissati dal Regolamento didattico di Ateneo, sul riconoscimento dei crediti precedentemente acquisiti.
Per ogni settore disciplinare ricompreso tra quelli relativi ad insegnamenti obbligatori, i crediti acquisiti sono riconosciuti, previa verifica dei programmi, nei limiti dei crediti attribuiti dall’ordinamento didattico del corso di laurea. I crediti in eccesso, se compatibili con l’ordinamento del corso di laurea, possono essere riconosciuti come sovrannumerari nell’ambito degli insegnamenti opzionali.
Gli studenti di altro corso di laurea che effettueranno il trasferimento per l’anno accademico 2017/2018 saranno ammessi, in relazione al numero di crediti di insegnamenti obbligatori convalidati dalla Commissione crediti e opzioni, a un anno regolare attivato nel Nuovo ordinamento del corso di laurea magistrale in Giurisprudenza.
Non saranno più accettati trasferimenti sul Vecchio ordinamento.
Deve intendersi valido il principio dell’obsolescenza relativamente agli esami di diritto positivo superati oltre dieci anni solari prima del momento della valutazione. La Commissione crediti e opzioni potrà altresì valutare, sulla base del programma di esame sostenuto in rapporto alla successiva evoluzione della materia, la sussistenza di ulteriori casi di obsolescenza per esami più recenti.
Relativamente all’obbligatorietà del test di verifica della preparazione iniziale si rimanda a quanto riportato al punto “Conoscenze richieste per l’accesso”.

PASSAGGI
Nel caso di passaggio da altro corso di laurea di questo Ateneo la Commissione crediti e opzioni esamina la carriera scolastica precedentemente svolta e ne determina l’ulteriore svolgimento e decide, predeterminando i criteri per le affinità e le uguaglianze tra insegnamenti, nei termini fissati dal Regolamento didattico di Ateneo, in merito al riconoscimento dei crediti precedentemente acquisiti.
In particolare, in caso di passaggio da un corso di laurea della stessa classe, la Commissione crediti e opzioni convaliderà totalmente i crediti acquisiti dallo studente nelle attività formative ed ambiti corrispondenti e lo ammetterà a proseguire gli studi colmando le differenze. I crediti in eccesso, se compatibili con l’ordinamento del corso di laurea, possono essere riconosciuti come sovrannumerari nell'ambito degli insegnamenti opzionali. Lo studente verrà ammesso con l’obbligo di superare gli esami obbligatori ai fini della laurea.
In caso di passaggio dal corso di laurea triennale in Operatore dei servizi giuridici gli studenti transiteranno nel corso di laurea magistrale in Giurisprudenza (sede di Ferrara e Rovigo) secondo la tabella di corrispondenza consultabile sul sito internet di Dipartimento (web http://www.giuri.unife.it alla voce Studenti, “Tabelle di conversione per passaggi”). In caso di opzione dai corsi di laurea della classe 31 e della classe 2 (ex DM 509/99) gli studenti transiteranno nel corso di laurea magistrale in Giurisprudenza (Sede di Ferrara e Rovigo) secondo la tabella di corrispondenza in vigore dall’a.a. 2006/2007 e successive modificazioni, consultabile sul sito internet di Dipartimento (http://www.giuri.unife.it alla voce Studenti, “Tabelle di conversione per passaggi”). Gli studenti di altro corso di laurea che effettueranno il passaggio o l’opzione per l’anno accademico 2017/2018 saranno ammessi, in relazione al numero di crediti convalidati dalla Commissione crediti e opzioni, a un anno regolare attivato nel Nuovo ordinamento del corso di laurea magistrale in Giurisprudenza.

Non saranno più accettati passaggi e opzioni sul Vecchio ordinamento.
Deve intendersi valido il principio dell’obsolescenza relativamente agli esami di diritto positivo superati oltre dieci anni solari prima del momento della valutazione. La Commissione crediti e opzioni potrà altresì valutare, sulla base del programma di esame sostenuto in rapporto alla successiva evoluzione della materia, la sussistenza di ulteriori casi di obsolescenza per esami più recenti.
Relativamente all’obbligatorietà del test di verifica della preparazione iniziale si rimanda a quanto riportato al punto “Conoscenze richieste per l’accesso”.
Per maggiori informazioni sulle procedure amministrative relative ai passaggi e ai trasferimenti consultare la seguente pagina web:
http://www.unife.it/studenti/immatricolazioni-e-iscrizioni/movimenti



Riconoscimenti

Per le conoscenze e le attività professionali pregresse, ai sensi dell’art. 14 della Legge n.240/2010, è possibile il riconoscimento di un numero massimo di 12 crediti.



Immatricolazioni con abbreviazione di carriera

Coloro che intendono chiedere il riconoscimento di crediti derivanti dalle attività formative svolte durante una carriera universitaria precedente (nei casi di possesso di un titolo universitario, di una carriera universitaria chiusa per rinuncia agli studi o di carriera universitaria chiusa per decadenza) dovranno seguire le procedure indicate al link dedicato:
http://www.unife.it/studenti/immatricolazioni-e-iscrizioni/immatricolazioni-conabbreviazione-di-corso



Informazioni

Coordinatore del Corso di Laurea
Prof. Paolo Veronesi
Tel. +39 0532 455640 | +39 0425 31272

Referente organizzativa
Dott.ssa Rossella Maranini

Tel. +39 0532 455692 | +39 0425 31272
E-mail: rossella.maranini@unife.it
www.unife.it/giurisprudenza/giurisprudenza-magistrale-rovigo



Biblioteche
Laboratori









Tempo libero e cultura
            













CUR © 2016. | Privacy | Viale Marconi, 2 - 45100 Rovigo
T.0425.31272 - F.0425.418864 - P.IVA: 01274780293
PEC: consorzio.universita.rovigo@legalmail.it
Enti soci


Corsi attivati in collaborazione con
   
 
Corsi realizzati grazie alla